Elenco degli Argomenti


Iscrizione al Forum | Invia ad un Amico | Regole del Forum

prima | precedente
1 [2] »
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  23:35
  • Se io in banca anziché depositare 100 euro depositassi 100 kilogrammi di patate, risulte-
    rebbe evidente a tutti che la banca a sua volta potrebbe al massimo prestare 100 kilogram-
    mi di patate al primo che glielo richiederebbe!
    Dopodiche' non ci sarebbero piu' patate per nessuno (limite fisico)
    Se poi la banca chiedesse il 10% d'interesse annuo, la persona che ha ricevuto il prestito
    dovra' consegnare 110 kilogrammi di patate (semina-raccolto-pagamento-utile in patate)
    Ora con il sistema della Riserva Frazionaria e con il divieto di utilizzo del contante
    la banca a fronte dei 100 euro da me depositati puo' arrivare a prestare fino a quasi
    5000 euro (importantissimo che non si usi o che si limiti al massimo l'utilizzo del con-
    tante) sui quali percepisce fior di interessi.
    Risulta evidente che se solo 4 o 5 persone andassero in banca a ritirare il cash,solo il
    primo
    che arriva verrebbe soddisfatto.
    Esiste pertanto una notevole carenza di denaro contante, carenza alla quale si puo' sup-
    plire solo in 2 modi:
    -Aumentare in modo Supersonico la velocita' di circolazione della moneta(...bit..clic.bip.)
    -Stampaggio dal nulla di moneta da parte dello Stato per evitare fallimenti bancari
    NOI Grazie ai banchieri centrali abbiamo usato un Terzo Metodo:
    -Prelievo diretto dalle tasche dei cittadini, mediante aumento della tassazione, (vero Mr.Mario
    Monti?!?!) e RIGIRO mediante Artifici Contabili, partite di giro piu' o meno occulte a
    tutti quei signori che avevano Prestato Incautamente il denaro dei depositanti gonfiandone
    a DISMISURA il Volume e creando i presupposti per la CRISI DEL DEBITO, la quale
    puntualmente non si e' fatta attendere!
    Ora invito ad una riflessione:
    Nel 2011 Berlusconi ando' in televisione a GARANTIRE tutti i depositi bancari fino a
    100.000 euro da parte dello Stato Italiano!
    Come cio' sia possibile, mi chiedo, se lo Stato stesso non e' in GRADO di pagare i
    suoi fornitori di merci ed opere per un importo di circa 60-90 miliardi di euro?
    A questo punto
    IO Bertoldo garantisco tutti i conti correnti degli Italiani fino a 200 mila euro
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  21:26
  • Se fosse una scolaresca, la si potrebbe spiegare così l'inizio dell'economia basata sul denaro.

    La spiegazione sarebbe alquanto semplice, partiamo da oltre duemila anni orsono, quando l'antica Roma voleva espandersi, avendo necessità di assoldare uomini non poteva certo convincerli solo con la promessa di avere un campo alla fine della campagna militare ma doveva dare una "paga immediata" che il soldato potesse spendere o accumulare per farsi la casa nell'appezzamento di terra avuto a fine guerra finita e vinta.
    Quindi per arrivare ad avere i beni finali (terreni) che servivano per ottemperare alla promessa e indi per riavere la fiducia dei soldati per un eventuale campagna futura, avevano una sola necessità utile allo scopo, stampare moneta. Questa strategia era chiaramente guidata dalle famiglie nobili e dai capi militari, comunque avrebbe assicurato benefici per tutti i partecipanti in base al loro stato sociale.
    Quindi l'inizio era STAMPARE MONETA. Quindi a cascata:

    Moneta in cambio di >>> lavoro (campagne di guerra)
    Campagna di guerra (lavoro) >>> conquiste, oro, schiavi etc (beni prodotti)
    Conquiste, oro, beni, schiavi >>> campo di terra PAGAMENTO al POPOLO
    Conquiste, oro, beni, schiavi >>> oro, beni, schiavi PAGAMENTO X FAMIGLIE NOBILI e/o CAPI MILITARI
    Supremazia politica,militare,territoriale >>> PAGAMENTO PER LO STATO

    ovvero in misura diversa ,vantaggi di tipo economico e miglioramento della vita per TUTTI I PARTECIPANTI

    A PATTO CHE SI FOSSE USCITI VITTORIOSI, cioè aver saputo sfruttare qualche quintale di bronzo , o argento in pochi casi oro, comunque chili di metallo, obiettivamente niente di vero valore , semplicemente IL VALORE che lo STATO assegnava a quei chili di metallo ,con il passamano di quella moneta è stato costruito l' IMPERO ROMANO.
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  20:06
  • ...FALSO, non è l'economia che nasce dal denaro ma è il denaro che nasce dall'economia...


    scusa vincenzoS tu sei un chimico, e allora spiegami da un punto di vista proprio chimico-fisico, materiale, oggettivo, come si crea il denaro dall'economia

    cioè tu esci di casa e vai a lavorare in ufficio di un ente o di una ditta o apri la bottega o l'officina e lavori le tue otto ore tutti i giorni e... poi un bel giorno alla fine del mese ...paf.... qualcuno ti da una somma di denaro tramite bonifico, assegno, contanti...(in cambio delle ore di lavoro o del servizio che hai reso)

    e questo qualcuno a sua volta avrà ricevuto questa somma che ti versa da qualcun altro, con modalità simili e così via a ritroso.... fino a quando arriviamo all'entità magica che ha prodotto questa somma di denaro che si può girare a qualcun altro, in cambio di servizi o beni, tramite bonifico, assegno, contanti

    sono due anni che giri intorno a questo problema dell'origine del denaro e si cerca di aiutarti, ma ancora non si riesce a farti ragionare sul fatto meccanico, fisico, materiale, della produzione del denaro

    vincenzoS tu sei un chimico e dovresti essere in grado di capirlo alla fine meglio di altri, perchè non leggi Frederick Soddy che era Premio Nobel per la Chimica nel 1921 e sul problema di chi crea il denaro ha speso gli ultimi 30 anni ?
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  15:57
  • XTol a memoria la riserva obbligatoria era 100 miliardi di E,ergo i depositi dovevano essere 100 volte
    tanti e quindi 10.000 miliardi di Euro.
    La base monetaria circa 1300/1400 miliardi di Euro composti per 1000 miliardi circa da biglietti banca e la parte restante da riserve libere e vincolate.
    In conclusione 300/400 miliardi di euro contro 10.000 miliardi di euro.
    M2 diminuito ?
    In Italia si,ma in Europa a spanne direi di no.

    Hobi
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  13:35
  • Delta, la Banca Centrale nasce perché ci sono crisi ricorrenti nella gestione del credito.
    E queste crisi non possono essere risolte che con la "liquidizzazione" di prestiti buoni tramite la stampa di denaro.
    Successivamente si sono aggiunti altri compiti :vigilanza sulle banche aderenti,sistemi di pagamenti,politica monetaria.
    E' lecita a questo punto una domanda.
    Ma se le crisi di liquidità non si possono eliminare non è meglio cercare qualche sistema alternativo ?
    Piaccia o meno, niente di alternativo e valido è stato sinora trovato.
    Il motivo non è cosi evidente a chi conosce poco la materia.
    Se il denaro si crea per COMPRARE ,si attribuisce un privilegio troppo grande all'unico soggetto che può avere una qualche legittimità per utilizzarlo: lo Stato.
    Dando alle banche invece il privilegio di creare denaro con l'obbligo di prestarloSENZA POTERLO UTILIZZARE X COMPRARE,si ottengono contemporaneamente più scopi importanti socialmente apprezzabili.
    Si toglie allo Stato questo privilegio che è molto facile male utilizzare.
    Si conferisce ad un terzo l'onere di prestarlo ma a proprio rischio.
    Si realizza la massima efficienza nella concessione di credito perché lo stesso DIVENTA MONETA.
    Come sempre le buone idee ( soprattutto quelle complesse) portano ,nel tempo,storture tipo l'atteggiamento ANCILLARE della banca centrale nei confronti del sistema bancario.
    Dove sta scritto che la banca centrale per salvare i depositanti ,debba salvare sia l'equity che certi debitori ?

    Hobi
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  12:56
  • E' 1 pensiero a cui non riesco a dare risposta
    Le banche centrali hanno poteri enormi nei fatti ,superiori a quelli del governo
    Come e' possibile che ciclicamente si verificano le crisi?
    Potrebbero essere le crisi funzionali alla stessa sopravvivenza delle bc sia nei mezzi che nella funzione?
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  10:50
  • Hobi, qui sappiamo che quando si parla di moneta creata dallo stato, si ipotizza uno stato a sovranità monetaria, con BC a servizio.
    i crediti fiscali ipotizzati servirebbero ad aggirare il blocco dato dalla moneta comune.

    la BC inglese mi dice che il 90% del circolante è moneta endogena, mi piacerebbe quantificare ma non trovo i dati:
    di quanti miliarducci si parla facendo i conti di quanta moneta-credito è sparita in eurolandia?
    che % sul circolante ante 2008?
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  10:36
  • "Il limite del 3% significa che ogni anno la moneta si riduce
    (c'è ancora qualcuno almeno qui su questo forum che non c'è ancora arrivato ?)."

    IO.
    Lo stato non ha alcuna possibilità di ridurre ( aumentare ) la moneta in circolazione che viene "prodotta"( mi adeguo nel linguaggio all'illustre Moderatore).
    La moneta(immagino a questo punto che per "qualcuno"sia una rivelazione ) la "producono" solo la BCE ed il sistema bancario.
    Lo Stato può solo spostarla a suo favore ( o a favore di altri settori ) attraverso la politica di bilancio influendo, adesempio, sulla domanda aggregata.
    Chiarito questo PILASTRO CONCETTUALE veniamo a qualcosa di concreto.
    Domanda.
    Il settore privato per i suoi consumi ed investimenti ha un saldo positivo ?
    SI,SI ...SIIIIIIIIIIIIIII !
    Di quanto nel 2013?
    Esattamente pari al deficit statale ( a memoria 2,9 % )più l'avanzo commerciale ( a memoria il 2% ).
    Quindi l'avanzo settoriale privato è stato pari al 4,9% del Pil.
    Sento già la folta ( scusate foltissima ) schiera di somari strepitare.
    Ma gli interessi che lo stato italiano paga all'estero( quanti calcoli ho letto sul forum da un nugolo di "economisti de noaltri "),dove li mettiamo ?
    Tranquilli ...il saldo commerciale relativo a beni e servizi esteri comprende anche tutti i frutti (interessi,dividendi)dei capitali .
    Naturalmente una parte di questi trasferimenti settoriali è stato assorbito dalla contrazione globale del credito bancario.


    Hobi
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  10:27
  • FALSO, gli interessi sui titoli pubblici sono trasferimenti al pari delle pensioni. Chi li percepisce li rimette in circolo.

    FALSO quasi meta' vanno all'estero e dubito che gli interessi che percepiscono le banche le mettano a disposizione per nuovo credito..,
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 12 Agosto 2014  09:30
  • X GZ

    Evidentemente però la popolazione italiana è composta in maggioranza di persone che non hanno problemi di denaro:...



    GIUSTISSIMO

    -

    L'economia di un paese è come uno stagno, se ogni anno riduci l'acqua lo stagno si riduce. Il denaro (debito e moneta) è l'acqua.

    --

    FALSO, non è l'economia che nasce dal denaro ma è il denaro che nasce dall'economia

    --

    Draghi è un banchiere e i banchieri vogliono che la moneta sia scarsa.

    --

    FALSO, le banche fanno profitti espandendo il credito. Poi va a finire che esagerano, i crediti non rientrano e accumulano perdite enormi che si mangiano il loro capitale per cui falliscono (o vengono salvate con i soldi pubblici)

    ---

    Perchè sono loro che impongono che lo Stato da noi incassi di tasse più di quello che spende (questo significa il limite del 3% del PIL, dato che gli interessi sono il 4% del PIL) e quindi soffochi lentamente.
    Il limite del 3% significa che ogni anno la moneta si riduce

    ---

    FALSO, gli interessi sui titoli pubblici sono trasferimenti al pari delle pensioni. Chi li percepisce li rimette in circolo.
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 11 Agosto 2014  23:18
  • Si legga le ultime discussioni, e capirà che in effetti è un concetto molto difficile da capire.
    Pensi che c'è chi crede che 100-100 (tagliare la spesa pubblica per ridurre la pressione fiscale) dia un numero positivo.
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 11 Agosto 2014  22:29
  • argomento: Banche Centrali e Moneta,  Italia
  • Non è mai successo che un banchiere centrale in Inghilterra, Giappone, Francia o persino Spagna dicesse che la nazione di cui è cittadino, e il cui governo eletto lo ha nominato, debba cedere il potere ai banchieri a lui. Ma Draghi ha dichiarato la settimana scorsa che l'Italia deve cedere la sua sovranità, a lui e la Troika.

    Renzi dopo alcuni giorni è stato costretto a dire qualcosa, al Financial Times che lo ha intervistato e a differenza dei giornali italiani glielo ha chiesto.
    «Sono d'accordo con Draghi quando dice che l'Italia ha bisogno di fare riforme ma come le faremo lo deciderò io, non la Troika, non la Bce, non la Commissione Europea». Lo afferma il premier Matteo Renzi in un'intervista al Financial Times, commentando le parole del presidente della Banca centrale europea che ha lanciato un appello agli Stati affinché rinuncino a parte della propria sovranità sulle riforme strutturali. «Farò io le riforme perché l'Italia non ha bisogno di qualcuno che le spieghi cosa fare». Il deficit ? «Non ho intenzione di superare il tetto del 3%. Speriamo di aver una crescita migliore nella seconda metà» e chiudere con un deficit al 2,9%, prosegue Renzi, sottolineando che l'Italia non sforerà il 3%, «è un regola vecchia ma è una questione di credibilità e reputazione per l'Italia anche se altri lo supereranno».

    Gli italiani hanno votato in massa (41%) Renzi che dichiara che deve obbedire a Draghi e ai banchieri centrali (Troika, BCE, Commissione...). Perchè sono loro che impongono che lo Stato da noi incassi di tasse più di quello che spende (questo significa il limite del 3% del PIL, dato che gli interessi sono il 4% del PIL) e quindi soffochi lentamente.
    Il limite del 3% significa che ogni anno la moneta si riduce
    Il limite del 3% significa che ogni anno la moneta si riduce
    Il limite del 3% significa che ogni anno la moneta si riduce
    (c'è ancora qualcuno almeno qui su questo forum che non c'è ancora arrivato ?).
    I banchieri, come Draghi, vogliono che la moneta sia scarsa, per la stessa ragione per cui i petrolieri vorrebbero che il petrolio fosse scarso, che gli agricoltori che il vino o il latte fosse scarso, che le mignotte vorrebbero che ci fossero meno mignotte dell'est che aumentano l'offerta.... Ci vuole tanto ? Draghi è un banchiere e i banchieri vogliono che la materia prima che loro offrono sia scarsa...

    Draghi è un banchiere e i banchieri vogliono che la moneta sia scarsa.
    Draghi è un banchiere e i banchieri vogliono che la moneta sia scarsa.
    Draghi è un banchiere e i banchieri vogliono che la moneta sia scarsa.
    (mi scuso con i più istruiti per il formato a slogan, ma ho notato che bisogna semplificare al massimo e solo ripetere il concetto essenziale, possibilmente in caratteri grandi e colorati)

    Se allora lo stato italiano da 30 anni riduce la moneta e ora, dal 2009 le banche non compensano aumentando il credito... l'economia... si contrae!. Fine. Qui hai tutta l'Economia che devi sapere.
    L'economia di un paese è come uno stagno, se ogni anno riduci l'acqua lo stagno si riduce. Il denaro (debito e moneta) è l'acqua. Non è nemmeno vero che il problema è il tasso di cambio della moneta. Il problema essenziale è la pura e semplice quantità di denaro che circola

    Evidentemente però la popolazione italiana è composta in maggioranza di persone che non hanno problemi di denaro:
    - redditieri, che vivono di reddito fisso e locazioni (Monti e Letta hanno ridotto le tasse su chi affitta immobili dal 43% al 10% !!) e loro figlie e figlie di papà
    - gente in un impiego pubblico,
    -esportatori di borsette in Asia,
    -curatori fallimentari e commercialisti,
    - politici, portaborse e amministratori pubblici,
    - calciatori, allenatori e gente del mondo del calcio,
    - pensionati con buone pensioni,
    - promotori di fondi obbligazionari,
    - trader di derivati,
    - farmacisti,
    - medici
    - gestori di centri di accoglienza per immigrati...

    non lo so, sto pensando a tutte le categorie di persone che in Italia oggi se la cavano bene e sono contente. Se avete dei suggerimenti anche voi sono ben accetti, perchè anche elencando questi qui sopra ho la sensazione che non arrivo alla maggioranza della popolazione, ma dato che nessuno protesta e anzi quando c'è l'occasione si vota il Partito del Debito (PD), dell'Euro e del limite del 3% al Deficit... devono essere per forza la stragrande maggioranza...
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 11 Agosto 2014  22:17
  • Draghi ha dichiarato la settimana scorsa che l'Italia deve cedere la sua sovranità. Non è mai successo che un banchiere centrale in Inghilterra, Giappone, Francia o persino Spagna dicesse che la nazione di cui è cittadino e il cui governo eletto lo ha nominato, debba cedere il potere del tutto ai banchieri centrali come lui

    Renzi dopo alcuni giorni è stato costretto a dire qualcosa, al Financial Times che lo ha intervistato.
    «Sono d'accordo con Draghi quando dice che l'Italia ha bisogno di fare riforme ma come le faremo lo deciderò io, non la Troika, non la Bce, non la Commissione Europea». Lo afferma il premier Matteo Renzi in un'intervista al Financial Times, commentando le parole del presidente della Banca centrale europea che ha lanciato un appello agli Stati affinché rinuncino a parte della propria sovranità sulle riforme strutturali. «Farò io le riforme perché l'Italia non ha bisogno di qualcuno che le spieghi cosa fare».

    Il deficit ? «Non ho intenzione di superare il tetto del 3%. Speriamo di aver una crescita migliore nella seconda metà» e chiudere con un deficit al 2,9%, prosegue Renzi, sottolineando che l'Italia non sforerà il 3%, «è un regola vecchia ma è una questione di credibilità e reputazione per l'Italia anche se altri lo supereranno».

    Cioè dice che deve obbedire a Draghi e ai banchieri centrali (Troika, BCE, Commissione...) che appunto impongono che l'Italia incassi di tasse più di quello che spende e quindi soffochi lentamente
prima | precedente
1 [2] »

Home Page | Migliori Post |  Mostra tutti i Topic del Forum | Inserisci qui una Risposta