Elenco degli Argomenti


Iscrizione al Forum | Invia ad un Amico | Regole del Forum

prima | precedente
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100»
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 28 Luglio 2014  18:03
  • E' come parlare dell' aria, ne hanno recuperati solo 17 perché gli altri non esistono. Quei 59 miliardi sono solo soldi virtuali. Sono stati evasi semplicemente perché non c'era con che cosa pagarli. Ne parlai già una volta qui sopra tempo fa, spiegando in dettaglio. Se non riuscite a capire il concetto posso farci poco. Paganini non ripete.

    Con questo sistema fanno credere al popolo bove che da qualche parte esistano davvero 59 miliardi da incassare.
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 28 Luglio 2014  15:37
  • Solo 17 miliardi su 59 recuperati ai grandi evasori !!
    la gran parte deve pagare somme modeste, segno che le elite filofasciofeudali hanno l aiuto di notai,avvocati e commercialisti che li aiutano nel depredare le casse statali.
    "Invece il 70% cartelle pagate a rate riguarda debiti inferiori a 5 mila euro. Un dato che mostra la difficoltà dei cittadini a fare fronte ai debiti arretrati, anche per importi di piccola entità."

    http://www.repubblica.it
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 28 Luglio 2014  08:43
  • veneto libero? Qui bisogna affidarsi alla tecnologia di qualche multinazionale della disinfestazione

    Anti, la tecnologia esiste: si chiama responsabilità personale.
    le dimensioni in cui ci si muove fanno grandissima differenza: finchè posso sperare di scaricare il costo dei miei privilegi su un fumoso, lontano "altro" (i politici, gli imprenditori, i dipendenti pubblici, i rettiliani), ci provo (=voto pd/pdl).
    quando il mio privilegio è un costo scaricato direttamente sul mio vicino di casa, diventa difficile sperare di farla franca.
    non è mica un caso se lo stato più fallisce e più si ingrandisce (finchè crolla)

    «Un governo che ruba a Peter per pagare Paul può sempre contare sull’appoggio di Paul”.
    George Bernard Shaw (1856-1950)

    «La democrazia è quella grande illusione in cui tutti cercano di vivere alle spalle del prossimo», FrédéricBastiat (1801-1850)
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 27 Luglio 2014  23:49
  • Se qualche padanaro (di passaggio) ci volesse spiegare farebbe cosa gradita. A me sembra che si sia oltrepassato ogni limite di decenza e di indecenza quanto a sperperi, arroganza e tracotanza proprio con l'amministrazione lombarda forzpadanara. (vuoi mettere il pettorale noeuro?).


    E’ basata su un rapporto di fiducia la consulenza che l’assessore alla Salute della Regione Lombardia, Mario Mantovani (FI), ha affidato al suo assistente tutto-fare, Fabio Gamba. E’ l’assessore stesso a dirlo, a margine di un convegno a Milano di Forza Italia sulla sanità lombarda. Si tratta di una consulenza da 16.000 euro per “Analisi dei costi della spesa farmaceutica territoriale e ospedaliera e presidio ai tavoli tecnici”. Gamba ha 21 anni, un diploma linguistico al Liceo d’Arconate e d’Europa e frequenta l’Università Bocconi. Mantovani ai microfoni de ilfattoquotidiano.it risponde: “L’affidamento al mio assistente? Si sta laureando con una tesi inerente il tema della consulenza”. Gamba, invece, interpellato sulla questione, non ha voluto rilasciare dichiarazioni alle nostre telecamere di Erika Crispo.

    -
    altro che uscire dall'euro o la mcroregione o il veneto libero? Qui bisogna affidarsi alla tecnologia di qualche multinazionale della disinfestazione e derattizzazione.
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 26 Luglio 2014  09:28
  • Bluffmen

    Gli impietosi dati rilasciati negli ultimi giorni, concernenti la produzione industriale (-2,5%), i consumi e l’export (-4,5%), fanno da corollario alle varie revisioni contabili sul PIL italiano. Dapprima la Banca d’Italia, seguita a ruota da altre agenzie private e non e per ultimo il FMI ci dicono che il prodotto interno lordo italiano sarà MOLTO al di sotto delle stime: nel novembre 2013 si parlava di un +1.1% che ad Aprile 2014 era già stato rivisto in ribasso a +0,8%, adesso i più ottimisti lo indicano ad un modestissimo +0,3%, mentre da via dell’Astronomia, quelli di Confindustria ci dicono che sarà piatto.

    Io spiazzo tutti e dico che il PIL nostrano sarà ancora in calo, e vedremo “puntualmente” già da settembre i soliti istituti che lo rivedranno, come al solito, al ribasso e, forse, già con il segno – davanti: personalmente ritengo che calerà variabilmente da -0,5 a -1%. La variabile è inerente a quanto la nostra malandata industria riuscirà ancora ad esportare extra-UE, dal momento che sia nella EZ che, soprattutto, in Italia i consumi languono e, visto l’andazzo, non potrebbe essere diversamente.

    Un governo, quello italiano, che si è speso tutto sull’ottimismo renziano, facendo i conti senza dell’oste (PIL in ribasso): credevano davvero di poter riavviare i consumi con l’obolo messo in busta paga ad un milione di lavoratori. Adesso dovranno anche loro fare revisioni, ovvero dovranno pensare da dove tirar fuori i 13/15 miliardi che a mio modo di vedere mancano già all’appello. Padoan continua a blaterare che non ci saranno manovre aggiuntive, facendo i classici scongiuri di rito: ma noi ben sappiamo che il potere degli scongiuri non basta, così come non è bastato (e non basterà) l’ottimismo di rito.

    L’agenzia per il turismo e federalberghi ci fanno notare che le presenze sono in calo con ribassi a doppia cifra in tutta la penisola (nonostante i turisti extra-UE siano aumentati notevolmente), il CCISS ci dice che di “bollini neri” sulle strade italiane ce ne sarà (forse) solo uno, mentre noi tutti possiamo notare che ristoranti e locali sono desolatamente vuoti. C’è aria di smobilitazione, altro che ripresa! I fortunati che potranno fare le agognate ferie avranno molto più spazio del solito e costi al di sotto degli scorsi anni.

    I salari italiani, nell’ultimo anno, sono cresciuti appena del 1,2%: per trovare un dato simile bisogna ritornare indietro al lontano 1982.

    Dal 2007 ad oggi ha chiuso i battenti oltre il 25% delle attività. Quest’anno la media di chiusure giornaliere supera abbondantemente le 500 unità e nei prossimi 6/12 mesi chiuderà un altro 30% di quelle che stanno ancora resistendo: NON vi è alcun motivo perché le cose possano migliorare. L’immobilismo del C.I.M. di Bruxelles sta mandando a ramengo un intero continente: presto sarà troppo tardi (se non lo è già) per qualsivoglia intervento di natura monetaria e scenderanno giù per il tubo anche la Germania e le altre economie non ancora totalmente compromesse. La “sfida” che ci è stata imposta alla Cina & company è PERDUTA. A meno che non si auspichi un TALE ridimensionamento dei salari in grado di pareggiare quelli cinesi, facendoci ritornare come per INCANTO nuovamente “competitivi” sul mercato globale.

    Più volte ho detto che il FMI avrebbe dovuto rivedere al ribasso anche le stime sul PIL globale e oggi è accaduto: da +3,7% a +3,4%. Chi vuole scommettere che a breve saranno riveste ancora al ribasso?

    Roberto Nardella.

    http://scenarieconomici.it

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

    Clicca qui per ingrandire

    Clicca sull'immagine per ingrandirla
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 25 Luglio 2014  11:44
  • “Ma cosa volete che m’importi del Senato, quella è una cosa di Renzi, io il patto del Nazareno l’ho fatto per la giustizia e la legge elettorale. Se non c’è l’Italicum con i nominati io come vi riporto alla Camera?”. Risata generale. L'ex Cavaliere parla a cena con i suoi in un ristorante nel centro di Roma e conferma: nel patto segreto con il premier c'è la riforma del sistema giudiziario sulla quale sta lavorando il "tavolo Ghedini". E poi l'accordo sul prossimo presidente della Repubblica di Fabrizio d'Esposito. >>>>>>


    Scontato e prevedibilissimo, anche un cretino capirebbe che i patti sono quelli. I "ribelli" stan gia' tutti tornando a baciargli la banana. In questa melma sconfinata cosa fanno i cosiddetti "intellettuali!? (quelli che leggono i libri), ragliano sul nulla.

    Non possiamo manco sperare che la Merkel ci invada, e chi se lo piglia un paese cosi'? (quello con la cultura).

    Meno male che la Merkel c'e' (e anche Weidmann).
  • Rispondi    Modifica
  •     segnalaci questo post    Stampa questo Post      Share      
  • 24 Luglio 2014  01:13
  • Ok

    qui non si tratta di 'internet, sky, domotica e fesserie accessorie' ... qui c'è gente che sta veramente male ... e un imbecille totale come la serracchiani dice che la gente chiede le riforme, la gente chiede da mangiare
prima | precedente
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100»

Home Page | Migliori Post |  Mostra tutti i Topic del Forum | Inserisci qui una Risposta